News

YouTubeFacebook

Celebrazione Medaglia d’Argento al Merito della Sanità Pubblica consegnata a Roma il 21 ottobre scorso all’AITF che ha sede a Torino

Torino 22.02.2017

Il numeroso pubblico presente nell’Aula Biancalana delle Molinette ha tributato un lungo e spontaneo applauso all’indirizzo del Prof. Mauro Salizzoni che, nel suo intervento a braccio, ha trattato con sobrietà e auto-ironia sia la storia dell’AI.T.F. (Associazione Italiana Trapianti di Fegato) che quella della sua lunga attività di trapiantologo  ormai prossima, con la sua équipe,  ad  arrivare all’invidiabile primato di 3000  interventi. Prima di lui, presentati dall’Avv. Gian Paolo Zanetta, Direttore Generale della Città della Salute  e della Scienza di Torino, e dopo l’intervento del Presidente dell’AITF Marco Borgogno, si sono avvicendati illustri personaggi del mondo scientifico torinese: Ezio Ghigo, Direttore della scuola di medicina dell’Università di Torino, Pier Paolo Donadio, Direttore Anestesia e Rianimazione Città della Salute e della Scienza di Torino e Antonio Amoroso Direttore del Dipartimento qualità e sicurezza dei percorsi di diagnosi. A rappresentare la Sindaca Appendino è intervenuto  il Presidente del Consiglio Comunale Fabio Versaci.  Presenti in sala due personaggi emblematici della storia dell’Associazione l’Ing. Carlo Maffeo Presidente Onorario e Vittorio Fazio suo Tesoriere fino al 2014.  Trapiantati a Bruxelles 30 anni fa dallo stesso Salizzoni, erano stati proprio  loro tre ad aver fondato, con altri nel 1988 a Torino l’AITF.  Un momento toccante la loro premiazione così come quella di Elvio Marchetto, albese con 24 anni di trapianto; il primo ad avere dato corso alla espansione associativa a livello nazionale fondando nel ’95 la prima Delegazione distaccata (oggi se ne contano 15 in tutta Italia compresa quella pediatrica AITF – BIMBI). Il motivo della celebrazione, come sottolineato dal Presidente Borgogno, è stato quello di fare partecipi del riconoscimento ottenuto dal Ministero della Sanità tutti gli attori che a vario titolo si sono resi partecipi di questo riconoscimento:  medici, infermieri e volontari, che in questi anni hanno svolto la loro attività in favore dei trapiantati. A quattro coordinatori dei volontari (Antonio Rongioletti, Antonio Grattacaso, Cesare Cauda e Giovanni Neris) è stata consegnata una pergamena per il loro impegno assiduo e altruistico.   La manifestazione si è conclusa con un momento di forte emozione quando ad essere insigniti dell’attestato di merito sono stati chiamati Giovanna e Celso Boggione, mamma e papà di Giorgio, donatore di organi scomparso nel 1995. Da allora il loro impegno in seno alla Delegazione Cuneese non è mai mancato, per divulgare quei valori di amore e di generosità indispensabili per un gesto così grande. In aula erano presenti i rappresentanti delle Delegazioni Piemontesi ed il Vice Presidente Nazionale Dott. Aldo Giacardi.  Ospite d’onore della cerimonia  il Luogotenente Loreto Buccola, Vice Comandante dei NAS di Torino, destinatario nella medesima occasione romana  di uguale riconoscimento dal capo dello Stato per i suoi meriti di difensore della legalità nei confronti dei soprusi che talvolta si verificano nel mondo sanitario.      

Associazioni OLNUS che operano nel settore delle donazioni di ORGANI, TESSUTI, CELLULE STAMINALI E DONAZIONE SANGUE: